Paganini, Marco

Intervista a Marco Paganini, Ripasso finale per la CCNA #200-301

L’autore

Marco Paganini è docente certificato Cisco e collabora, a Milano, con eForHum per i corsi IT Essentials e CCNA; è autore di vari altri volumi sull’argomento delle reti, tra cui Ripasso finale per la CCNA e I comandi delle reti, del libretto introduttivo La rete va… che è una favola!, e di alcune biografie.

Quale tema tratta il suo libro?

Info tecniche sulle reti informatiche, per conseguire la certificazione Cisco CCNA

Perché questo libro?

Per gli studenti delle Cisco Academies, ad integrazione del materiale on-line di Cisco

Quali sono i lettori di riferimento?

 

Studenti delle scuole superiori ad orientamento tecnico (ITIS e assimilati, con specializzazione Informatica e Telecomunicazioni, che siano Cisco Academies; Vocational Training Center Cisco; autodidatti della materia RETI

Quali sono i punti innovativi del volume?

Grande rigore tecnico; semplicità delle spiegazioni; numerosi esempi e tabelle riassuntive; correzioni degli errori del corso on-line.

Come si pone il libro nel dibattito culturale sul tema?

E’ l’unico del genere, aggiornato all’ultima versione della Certificazione CCNA, in italiano

Com’è nato il volume?

Sono Docente certificato del Corso, e ho sistematizzato i miei appunti.

La stesura è stata una esperienza lunga, difficile?

Prima versione, dieci anni fa: circa un anno per la stesura. Questa versione; circa 3 mesi di lavoro per riorganizzare e aggiornare i contenuti.

In un mondo distratto, in una società liquida… perché ancora un libro?

Molti apprezzano la carta, specie se sono oltre 500 pagine di cose tecniche

Quali sono stati i suoi autori di riferimento?

Famosi autori Cisco, quali Wendell Odom.

Quali tecniche vengono utilizzate nel suo libro?

Argomenti trattati in modo sintetico, ma possibilmente completo, al livello CCNA e non Professional, con vari approfondimenti quando opportuni, tratti dal web.

Un brano significativo del volume

Il “segnale di pompa di Raman”, a 1656 nm, è un’altra funzionalità eccezionale delle fibre ottiche. Il geniale scienziato indiano scoprì infatti, nel 1928, l’effetto che gli valse il Nobel nel 1930: se in una fibra ottica, operante in Terza finestra, si inietta quel segnale, il flusso ottico in transito si amplifica!

Luoghi significativi del libro

Nessuno, purtroppo; grigi laboratori con le ventole degli apparati che ronzano…

Altri spunti di interesse per il volume

Cerca di essere divertente ove possibile, evidenziando piccoli dettagli curiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.