BO 023 Riflessi in uno zaffiro orientale, Diari minimi di viaggi effimeri

Acquista su Amazon

“Per definire il colore del cielo orientale, nel Purgatorio (I, 13), Dante invocò il nome di una pietra orientale: un gioco reciproco che, come notò Borges, può ben essere un’immagine dell’infinito. […] Borges si è chiesto più volte cosa avrebbe potuto fare Dante dopo aver finito la Divina Commedia: se avesse avuto un telefonino a disposizione, forse avrebbe potuto collezionare SMS in rima scambiati con Cavalcanti”.

 

Riflessi in uno zaffiro orientale, Diari minimi di viaggi effimeri
di: Piergiorgio Odifreddi

ISBN: 9788893641593 (libro) – 9788893641920 (ebook)

 

Share this Post