Canto tenero, Mitografemi

Canto tenero, Mitografemi

“Una semplice sequenza ininterrotta di nomi di personaggi mitologici – in virtù di opportune cesure e di un’appropriata punteggiatura, nonché di eventuali apostrofi o accenti – si trasforma in un componimento poetico; in tale contesto i vari nomi si configurano anche come altrettante unità grafiche, o grafemi: diventano, cioè, mitografemi”. Canto tenero, Mitografemi di: Giuseppe Varaldo ISBN: 9788893641371 (libro) Acquista su Amazon

BO 005 Frammenti in vita, Combinazioni monorime con commento

BO 005 Frammenti in vita, Combinazioni monorime con commento

Acquista su Amazon “La tentazione era forte. Unire – o meglio mischiare, contaminare, forzare a improtestabile convivenza – i nostri patres maggiori, Dante e Petrarca. Intrecciare le radici della loro opera – e anche i rami – con uno sforzo d’intrico – più che non d’intreccio. Con esito doppiamente paradossale: si nota infatti come quasi tutti i versi, se letti uno per uno, senza appoggiarsi ad alcun contesto o senso, non abbiano perduto

Read More

BO 007 Forme For me, Traduzioni omografiche

BO 007 Forme For me, Traduzioni omografiche

Acquista su Amazon “Fra le tecniche note al mondo oulipiano, oplepiano e di divertissement linguistico in genere sapevo esistere la “traduzione omofonica”: due testi, diversi per scrittura, divengono “foneticamente” uguali quando letti, poiché la pronuncia risulta la medesima. Mi son chiesta, però, cosa sarebbe successo se avessi preso una sola sequenza di lettere (un unico testo, dunque) e avessi provato a spezzare simultaneamente in due differenti modi tale sequenza, al fine di pervenire

Read More

BO 008 La viola del bardo, Piccolo Omonimario Illustrato

BO 008 La viola del bardo, Piccolo Omonimario Illustrato

Acquista su Amazon “Una serie di omonimi viene disposta in ordine significativo, in modo da costruire la sintesi di una breve narrazione della serie stessa generata ed illustrata. Poi (…è anche l’acronimo della ‘struttura’ di questa plaquette), dopo i sedici brevi componimenti, un essenziale dizionarietto omonimico riporta nuovamente le voci utilizzate insieme con i relativi significati”. La viola del bardo, Piccolo Omonimario Illustrato di: Raffaele Aragona ISBN: 9788893641388 (libro)

BO 009 Le ripartite, Rimbalzo statistico

Acquista su Amazon “In un qualsiasi testo scritto in un’altrettanto qualsiasi lingua le varie lettere dell’alfabeto compaiono con frequenze differenti. È facile intuire che in italiano (e non solo) quasi tutte le vocali (a eccezione della ‘u’) sono molto più diffuse delle consonanti. […] Da questi presupposti è nata l’idea di scrivere un racconto con la seguente restrizione: il testo non solo rispetta rigidamente la frequenza delle ‘e’ ma anche il loro posizionamento

Read More

BO 011 L’isola teletrasportata, Anagrafie

Acquista su Amazon “L’usurpata iscrizione a ‘Gara Oplepo’ di questo esperimento che Ruggero Campagnoli, giustamente risentito, ha voluto intitolare Anagrafie, mi era stata suggerita dal supporre che l’esito della riscrittura del Quijote da parte del Pierre Menard di J.L. Borges fosse la paradossale trasposizione di tutte le parole e annessi del romanzo cervantesino in una casuale coincidenza con l’originale. […] Poi, calcolo probabilistico e restrizione inderogabile mi avevano convinto ad onorare quel tentativo

Read More

BO 012 Geometriche visioni, L’alfabeto raffigurato

Acquista su Amazon “La tecnica del ‘gioco dell’alfabeto raffigurato’ richiama alla mente quella del ‘technopaegnion’ (in greco ‘gioco d’arte’), artificio letterario che consiste nel comporre un testo, generalmente una poesia, la cui forma grafica rappresenta una determinata figura: una nave, una piramide, un pesce, un’ànfora, ecc. […] Nel ‘gioco dell’alfabeto raffigurato’ la simbiosi fra sostanza linguistica e formazione iconica si realizza facendo in modo che ogni singola lettera diventi strumento iconico, immagine di

Read More

BO 013 Rose osé, Lettere rubate

Acquista su Amazon “A Capri, una mattina piena di sole dei primi di novembre del 1996, durante una passeggiata all’Arco Naturale, guardando verso lo specchio d’acqua che, fascinosamente turchino, si distende fino all’orizzonte, ad un certo punto esclamo: ‘Che mare incredibile!’. Volta al plurale e privata della lettera R, mi accordo che la stessa frase suona: ‘Che mai incedibili!’. Limpido riconoscimento dell’inamovibile profondità di molte negazioni”.   Rose osé, Lettere rubate di: Paolo

Read More

BO 014 Turandot Espuri, Solfeix

Acquista su Amazon “Il ‘Solfeix’ è basato sulla traslitterazione sillabica di una melodia prestabilita; ma, invece di attribuire un significato chiuso ad ogni serie di note – come faceva Soudre – o di mettere ogni nota in relazione ad una sillaba – come fanno i parolieri nelle canzoni –, si tratta di aggiungere un fascio di nuove sillabe tra i nomi delle note della melodia, avendo ben presente la durata di ogni nota.

Read More

BO 015 L’infinito futuro, Sillabe in crescenza

Acquista su Amazon “L’avventuroso ritrovamento, in uno sgabuzzino murato del Palazzo di Recanati, di questi quindici tentativi di Infinito strutturati in tutte le salse metriche, con progressiva espansione dal balbettio monosillabico alla scandita ariosità del settenario doppio, ci permette finalmente di seguire passo dopo passo il percorso compiuto da Giacomo Leopardi per arrivare alla superba versione in endecasillabi sciolti che già possedevamo. Con tutta evidenza il poeta, affinché il canto apparisse come un

Read More